BREXIT – 15 Inglesi a cui ridarei la cittadinanza Europea

 

Si è detto tanto sulla Brexit, il referendum con cui i cittadini britannici hanno votato l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea e, più i giorni passano, più questa vicenda si distingue come brillante dimostrazione che La Gente Non ce La Fa.

E’ ormai di dominio pubblico il fatto che il voto per il “leave” sia stato prevalentemente delle persone in una fascia d’età cosiddetta alta, in gergo tecnico sociologico. i cosiddetti “dinosauri” o “vecchi”.

La cosa ricca di British Humor è che i cosiddetti “giovani” (ossia coloro in età tale da saper utilizzare un computer e una connessione ad internet), hanno cercato freneticamente “che cos’è l’unione europea” e “conseguenze del leave” DOPO i risultati del sondaggio (forse per far capire ai nonni le conseguenze del fattaccio?) Too little, too late.

Quindi i giovani inglesi sono arrabbiati. L’Inghilterra si è svegliata con la stessa sensazione di quando si fa una notte brava e ci si sveglia ubriachi con uno sconosciuto nel letto e poi si googola “cosa vuol dire gravidanza” e “conseguenze del sesso non protetto”; “what have we done“?

Ma don’t worry giovani inglesi, non siate frustrati per la vostra hangover.
Il continente sta accorrendo in vostro soccorso.

Il premier italiano Renzi, ad esempio, ha già fatto una sua proposta, ossia di studiare una norma ad hoc per i cittadini del Regno Unito iscritti negli atenei italiani. Ciò incrementerebbe il flusso di studenti inglesi verso le università italiane, lo scambio e l integrazione e si parla di cittadinanza acquisibile dopo 3 anni di residenza e contribuzione.

Ma anch’io voglio fare la mia parte.

Donne nubili, con cittadinanza europea, ascoltatemi: bisogna agire!
Dobbiamo sacrificarci, per un’Europa Unita. Churchill sarebbe fiero di noi.

Ridiamo la cittadinanza comunitaria agli inglesi, alla vecchia maniera:
Per matrimonio e con l’adozione.

Ecco la personalissima lista #NCF di candidati che sono disposta a considerare

I. MATRIMONIO

  1. Michael Fassbender
    Considerato che ora l’Irlanda vuole fare un referendum per uscire a sua volta dal Regno Unito ed essere annessa un unico Stato Membro dell’Unione Europea, Michael, non garantisco, ma per la causa un’uscita te la concedo.

  1. Jude Law
    Un’info-grafica, più o meno quello che mi aspetto affinché la cosa possa concludersi.

  1. Tom Hiddleston
    Taylor Swift non ti sarà di alcun aiuto…just sayin’

  1. Jamie Dornan
    Hai solidi argomenti di persuasione (e non mi sembrano poi così sfumati).

    9-jamie-dornan-vogue-2oct14-boo-george-b_1440x960

  1. David Beckham
    Bend it like Beckam”. Se divorzi da Vicky prima che uno degli altri mi faccia la proposta, sono tua.

  1. Colin Firth
    Colin, avrai anche 55 anni ormai, ma resti un gran figo. Perciò mi preparare una pratica farlocca per l’immigrazione con te mi renderebbe la donna più felice della terra.

  1. Christian Bale
    Non essere timido, sei batman, almeno una cena te la concederi. Considera, però che la concorrenza è agguerritissima (ho sentito che Michael già ci sta facendo un pensiero).

  1. Henry Cavill
    Beh, essendo superman, sarai sicuramente abituato alla faccenda dell’immigrazione. Tuttavia, se decidessi di sentirti più integrato, potresti provare a frequentare qualcuno. Tipo, me.

  1. Tom Hardy
    Tom, mettiamola così, anche sarà un matrimonio di interesse, sono certa che fra di noi sarebbe come nei film. No, non quelli che fai tu in cui tutti vengono massacrati di botte…

  1. David Gandy
    Se proprio devo, mi sacrifico per la causa.

  1. Jonathan Rhys Meyers
    Vd. Punto precedente

  1. Kit Harington
    Solo perché sei Jon Snow, re di tutti i cazzi, King of the Noooooorth. Puoi provare ad invitarmi a prendere una birra e quel che succede, succede.

  1. Prince Harry
    Dato che ormai sei il principe di un regno extracomunitario, mi immagino il nostro incontro così:

  2. Tom Ellis
    Io la butto lì.

    image-7-Copy

Questa è la mia rosa di candidati. Ovviamente non sono un mostro, se qualcun altro che rientra più o meno in questa linea vuole proporsi…sono aperta a valutare (sempre per un ideale di democrazia in un’Europa Unita e solidale).

Sempre per fare la mia parte,

II. ADOZIONE

Sono pronta a dare un futuro ai piccoli nuovi extracomunitari britannici. Infatti   adotterei immediatamente e senza esitazione il piccolo Principe George Alexander Louis of Cambridge, meglio noto come, Baby George.

Potrei anche arrivare a considerare la sua sorellina, la principessa Charlotte Elizabeth Diana of Cambridge.

Ovviamente, a distanza.

13528218_1115902018477686_8339414616841305234_o

Mad

Annunci

Esino vs Sulzano 1-0

Milano è Sempre Milano.

Ma ora gli occhi di tutti sono puntati sul lago di Iseo.

Il lago d’Iseo: una delle località generalmente più tristi e del nord d’Italia. Un freddo polare, un paesaggio selvaggio e nebbioso tutto l’anno, salvo per un paio di settimane. Generalmente queste.

Ma tutto ciò era A.C. : Ante Christo. Prima di The Floating Piers, l’imponente installazione su ponte mobile che ha aperto lo scorso fine settimana e che resterà sino al 3 luglio. Arte esperienziale, a contatto con la natura e con il pubblico.

Mi immaginavo già sola, a meditare e fare yoga su The Floating Piers nel cuore della notte, magari nella serata in cui ci sono stati il solstizio e la luna piena. E l’universo si sarebbe finalmente svelato dinnanzi al mio terzo occhio.

Credo che questa immagine sia stata comune ai più perché l’installazione è stata presa d’assalto più dell’inaugurazione al KFC! Al punto che proprio dopo il solstizio hanno dovuto chiuderla e la gente è svenuta alla stazione di Brescia.

Ma fin qui, ci può anche stare…la fede nel genere umano l’ho persa con il puntuale titolone del corriere Moda:

“Sì al bianco in passerella, no al look da città Ecco come ci si veste per «The Floating Piers» di Christo”,

Con annessa gallery dei V.I.P. in “passerella, ovviamente.

Quindi, Christo (con la “h”) ha dato ai Milanesi ciò di cui hanno più bisogno: una passerella. In più d’oro. Stanno già mandando incartamenti per dichiararlo il nuovo Messiah (sempre con la “h”, perché nella città della moda ci tengono alla precisione).

Profondo senso di smarrimento che neanche i “Piloni Flottanti”. LaGenteNonCeLaFa. Davvero.

Però, sempre questa mattina, sempre dalla Lombardia, un piccolo paesino mi ha ridato la speranza:

Esino Lario! Un paese da 760 anime sta diventando motivo di orgoglio italiano per il raduno Wikimania organizzato in low budget dalla Fondazione Wikipedia e dalla Fondazione Cariplo.

Pietro Pensa, sindaco di Esino ha fieramente affermato al Corriere: «Siamo pronti a ospitare un evento mondiale all’anno, il paese e i suoi abitanti hanno dimostrato di essere una macchina organizzativa formidabile».

Sarò in prima linea per l’evento #World@Esino2017. E non ci vedrei male anche un’Expo, basta che le installazioni, poi, se le riportino via.