6 buone ragioni per uscire dalla Friend-Zone

Una categoria di uomini che merita una menzione d’onore su #LaGenteNonCeLaFa sono gli “Amici”. E non sto parlando di Tromba-Amici (con cui, per capirci, almeno per un po’ ti ci diverti), ma gli amici fra virgolette.

Gli “Amici” sono da evitare, come le trappole per orsi, le mine anti uomo, le zanzare e le stampe animalier (che sono tornate di moda ma le trovo comunque orripilanti).

Gli “Amici” non nascono amici. Degli “Amici” di solito una si innamora con colpo di fulmine, e loro lo sanno perfettamente. La vostra relazione si basa su di loro che testano il limite di dove possono arrivare. Finché, un bel giorno, l’elastico di spezza e la donna li lascia andare con somma soddisfazione per la loro strada.

Per un po’ ti tirano scema e pensi che siano solo all’antica, non ci scopi, poi quando sei cotta a puntino e ti fai avanti sgranano gli occhi tipo Bambi e ti fanno un discorso simile al seguente:

Tu ormai per me sei quasi un’amica, forse la migliore. Se l’avessi saputo che c’era una possibilità avrei cercato di avere una storia e forse sarebbe stata la storia delle nostre vite. Però ora è troppo tardi, siamo troppo intimi, ci conosciamo troppo, non potrebbe più funzionare. Però possiamo comunque iniziare a scopare senza impegno“.

Questa si chiama “Friend-zone“.

Il termine, però, è americano e quello il radicato maschilismo dei nostri ometti non ha colto è che si tratta di un concetto ideato dalle Donne.

Quindi, Caro “Amico”, ti scrivo: 6 motivi per cui il nostro rapporto è cambiato e sono uscita dalla “Friend-Zone”

  1. Come amico fai schifo: sei sleale, voltafaccia, parli alle spalle, non sei sincero (non so nemmeno se lo sei con te stesso) e non ti fidi di me. Ah già, e mi umili in pubblico davanti ad amici comuni! Ma che amico saresti, me lo spieghi?
  2. L’unico motivo per cui ho tollerato tutto questo finora è perché in fondo ero innamorata, tu lo sapevi, ma non hai colto l’occasione, ne ti sei comportato da amico (vd. punto 1). Te ne sei solo approfittato per avere il rapporto che volevi. “I respect your hustle” come dicono in america, ma per quanto mi riguarda  non si può essere imbecilli per sempre.
  3. Forse il tema principale: noi non siamo amici e non lo siamo mai stati. Semmai siamo “Amici”, cioè un rapporto totalmente squilibrato a tuo vantaggio volto a diventare una relazione romantica da parte mia. No relazione, no amicizia (un po’ come “no Martini, no party”);
  4. La storia del “non voglio rovinare una bella amicizia”, da che mondo è mondo, è la scusa tipica delle donne. Quindi non puoi friendzonare una donna senza subire conseguenze e la conseguenza è che volendo un’Amica, ora perdi un’Amica;
  5. Anch’io all’inizio con te ci sarei stata. Però oggi siamo troppo intimi ed è vero, non potrebbe funzionare. La differenza è che se prima te l’avrei data sull’onda dell’amore, ora non più;
  6. La conclusione, però è che tu hai perso quella che consideri “una delle tue migliori amiche“. Io, no.

A.A.

(Questo post è dedicato alla storia della mia amica G. che per 6 anni è stata lo zerbino del suo migliore amico, poi si è accorta che era solo un egoista viziato e l’ha mollato adesso lui vende panini al tonno in Islanda e lei è felice come non lo era mai stata.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...